L’UPO batte Torino, Pavia e Milano: è nella top 10 delle migliori università pubbliche italiane

Aiuta il giornalismo indipendente

Supporta La Pulce nell'Orecchio in questo periodo difficile in cui l'informazione, anche quella scomoda, fa la differenza sulle fake news e la misinformazione.

L’anno nuovo per l’Università del Piemonte Orientale inizia sotto i migliori auspici. Il Sole 24 Ore ha pubblicato la classifica annuale delle università italiane e l’UPO guadagna 3 posizioni rispetto allo scorso anno ed entra nella “top ten” degli atenei statali, assestandosi proprio al decimo posto, dietro a Verona, Trento, Bologna, Politecnico di Milano, Milano-Bicocca, Padova, Politecnico di Torino, Siena e “Ca’ Foscari” di Venezia. L’UPO ha quindi sorpassato altre università storiche come Pavia, Torino o la Statale di Milano, che hanno numeri sicuramente più importanti quantitativamente, ma secondo questa classifica la qualità complessiva sta altrove.

La classifica, che ha valutato 61 atenei statali e 15 non statali, è stata redatta tenendo conto di 12 indicatori, 9 relativi alla didattica – attrattività, sostenibilità, stage, mobilità internazionale, borse di studio, dispersione, efficacia, voto degli studenti e occupazione – e 3 relativi alla ricerca: qualità della produzione scientifica, competitività della ricerca, qualità dei dottorati.
Per l’Ateneo tripolare di Alessandria, Novara e Vercelli la didattica è da 18° posto, ma in quanto a ricerca siamo al 5°.



PER CONTINUARE A LEGGERE DEVI REGISTRARTI GRATUITAMENTE. POTRAI CONTINUARE A LEGGERE E RICEVERE I CONTENUTI EXTRA